Chi altro vuole rendere l’esperienza di navigazione del proprio sito immobiliare emozionante come un viaggio sulla luna

Be’ diciamo subito che questo titolo è un tantino esagerato. Niente può essere paragonato ad un viaggio sulla luna.
Però rimanendo sempre in tema viaggio vorrei farti riflettere su questo: quando vai in vacanza cos’è che più ti resta impresso? La risposta è facile e scontata: l’esperienza che vivi e le emozioni che provi, quelle positive come quelle negative.

Io navigando per mestiere molti siti immobiliari mi trovo spesso dinanzi ad esperienze negative, e più che in viaggio sulla luna mi sento come Fantozzi in viaggio con l’INPS, (PESSIMA ESPERIENZA).

Comunque scherzi a parte, è statisticamente provato che una buna esperienza utente o user experience come dicono gli anglofoni, aumenti le conversioni (ti fa ricevere più contatti da chi cerca casa).

“Forrester Research sostiene che per ogni euro investito nell’ottimizzazione della User Experience riceverai indietro 100 euro. Questo a dimostrazione del fatto che qualche modifica ben strutturata alla tua UX aumenta le conversioni”.

Ecco una checklist per rendere la user experience del tuo sito immobiliare emozionante come un viaggio tra i fiordi norvegesi (meglio ridimensionare le pretese😀).

  • Inserire un motore di ricerca interno. Per migliorare la user experience del sito della tua agenzia. Devi fare attenzione ai dettagli, sono le piccole accortezze a fare la differenza. Inserisci dei filtri/motore di ricerca interno sulla home page. Questo elemento serve per trovare con facilità un immobile. A ragion del vero tutti i portali immobiliari hanno un motore di ricerca interno.
  • Numero di telefono above the fold. Oltre a dare la massima visibilità al numero di telefono della tua agenzia rendilo anche cliccabile da smartphone (cosi parte direttamente la chiamata).

Il codice da inserire nel sito è il seguente <ahref=”tel:000000000″>000000000</a> basta sostituire gli zeri presenti con il numero di telefono che si vuole rendere cliccabile.

  • Aumentare la velocità di caricamento degli annunci immobiliari.

-Effettua una migrazione su un hosting professionale. Secondo Adam Johnson di Search Engine Journal, uno dei fattori più importanti che determina la velocità delle pagine web è il server su cui sono caricati i domini.

-Protocollo HTTP2. Utilizzando il nuovo protocollo “HTTP2” otterrai una riduzione del tempo di caricamento delle risorse.

-Ottimizza le foto da caricare sul sito.

-Cerca se possibile di ridurre al massimo i redirect.

-Sfruttare il caching del browser e ottimizzare le query del database.

Altro dato interessante del report è che le ricerche effettuate da dispositivi mobili sono soprattutto ricerche locali. Dettaglio da NON sottovalutare, se si pensa che le ricerche di immobile da parte delle persone sono per di più locali.

  • Rendi il tuo sito immobiliare ricco di informazioni utili. Migliorare la user experience del sito web della tua agenzia vuol dire dare agli utenti informazioni utili che riescano a soddisfare le loro esigenze e risolvere i loro problemi. NON limitarti a caricare solo le foto delll’immobile. Aggiungi anche virtual tour, e video.
  • Controlla che non ci siano troppi broken-links e errori 404.
  • Form di contatto.
    Il tuo obiettivo, quando aggiungi un form sul sito, è quello di far sì che le persone lo compilino, per contattarti, per scaricare un E-book, o per iscriversi alla newsletter. Nulla scoraggia le persone più di trovarsi davanti un linguaggio troppo complesso oppure un modulo che richiede un numero eccessivo di informazioni.
  • NON utilizzare font creativi, utilizza piuttosto un carattere che migliori la readability e la legibility.
  • Per un sito immobiliare un altro elemento indispensabile è una sezione dedicata all’acquisizione di immobili.

[Evita al tuo cliente un esperienza fantozziana, migliora la user experience del tuo sito immobiliare].

Solo le migliori aziende coccolano i loro clienti.

“Mentre per le altre aziende il futuro è incerto, Apple prosegue in piena marcia verso un futuro chiaro più che mai. L’attenzione è completamente concentrata sulla soddisfazione e sui bisogni degli utenti, la user experience appunto”.
(Fonte: Https://mac.iphoneitalia.com/9477/il-mondo-abpost-pcbb-di-steve-jobs).

P.S.: migliorare la user experience di chi visita il tuo sito web, ti consente anche di raggiungere una buona posizione sui motori di ricerca. Uno dei più importanti consigli di Google è, infatti, proprio quello di creare un sito per gli utenti, piuttosto che per i motori di ricerca.

Migliorare la user experience, caso studio (blog.tagliaerbe.com).

Recentemente, grazie a questi dati, siamo riusciti a incrementare considerevolmente le micro-conversioni di un cliente, riuscendo a raggiungere gli obiettivi prefissati prima del tempo.

Il cliente in esame lavora nell’ambito dei servizi.

Problema: gli utenti giungono su alcune pagine che devono portare alla micro-conversione, trascorrono oltre 4 minuti in media su di esse, ma non arrivando a fornire i lead.

Alcune domande che ci siamo posti: il contenuto non è corretto? L’atterraggio (clic) arriva dopo una ricerca errata? Il form non funziona?

Avendo scartate tutte le ipotesi, poiché il contenuto risultava pertinente e corretto con la ricerca effettuata e che il form funzionava in maniera precisa, abbiamo focalizzato l’attenzione su altro, individuando un paio di assunti aggiuntivi.

Grazie a Google Analytics avevamo i seguenti dati:

  • su queste pagine, verificando il flusso di comportamento, avevamo notato un continuo ritorno alla home page come seconda interazione;
  • la pagina di conversione coincideva spesso con quella di exit;
  • nessuno andava sulla pagina contatti (strano, se vuoi lasciarmi un tuo recapito perché non compi l’azione?).

Abbiamo attivato, sfruttando Crazy Egg e in regola con la GDPR, le mappe di calore e i recordings.

Dopo un mese di monitoraggio – è poco, ma quanto basta per farci un’idea! – abbiamo notato come su alcuni dispositivi mobile e su determinati browser, il form a volte si caricava male (espressione tecnica per affermare che non avveniva il rendering!) e a volte i vari browser non lo caricavano per nulla.

Per giunta, a causa di un bug, su alcuni dispositivi la voce del menù contatti scompariva al clic (sì, se te lo stai chiedendo avevamo una serie di confetti sulla voce di menù contatti).

Ovviamente, abbiamo provveduto a individuare le cause del bug e a risolverle.

Questa piccola modifica ha fatto sì che le micro-conversioni aumentassero in maniera esponenziale!

Se rispetti i tuoi clienti e vuoi rendere la loro navigazione piacevole come un volo con la compagnia aerea Emirates, contattaci adesso!
Tel: 0823977703

    Il tuo nome (richiesto)

    Numero di telefono (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    navaCASA segue tutte le regole di User Experience per realizzare solo siti immobiliari di prima classe.

    The following two tabs change content below.

    Ferdinando Santoro

    SEO, specializzato in adwords immobiliare, facebook immobiliare. Lavora presso navaCASA.it. Se Il contenuto è il re, la perseveranza è la regina. Cell: 331 15 67 578