Adwords per agenzie immobiliari vincenti è l’unico libro pubblicato in Italia che riguardi AdWords applicato al settore immobiliare. Leggi ora l’estratto di questo esclusivo libro

adwords per agenzie immobiliari web marketing

 

Ferdinando Santoro

 

Adwords per agenzie immobiliari vincenti

 

ECCO COME ESSERE IN PRIMA POSIZIONE SU GOOGLE E RICEVERE PIÙ CONTATTI DA CHI CERCA CASA in vendita o in affitto

 

 

Distribuito da: navacasa.it

P.Iva 04007080619

Via Roma – Mondragone (CE)

www.navacasa.it

www.sitiperagenzieimmobiliari.com

E-mail: info@navacasa.it

Tel.: 0823 977 703


 

Note legali e anti duplicazione

Tutti i diritti di questo libro sono riservati a norma di legge. Nessuna parte può essere riprodotta con alcun mezzo senza l’autorizzazione scritta dell’Autore e dell’Editore. È espressamente vietato trasmettere ad altri il presente libro, in formato cartaceo o elettronico, per denaro o a titolo gratuito.

 

Attenzione: la pirateria è un reato

Sommario

Introduzione. 5

Glossario.. 8

Cos’è AdWords. 16

Capitolo 1. 17

AdWords, la pubblicità potente per le agenzie immobiliari 17

Come creare la prima campagna AdWords. 20

Keywords research, perché scegliere la Long tail 24

Come creare annunci efficaci: Tecniche di copywriting e scrittura persuasiva.. 29

Le estensioni annuncio.. 36

Impostazione dei pagamenti 42

Un modo facile per tracciare le conversioni e conoscere il ROAS.. 43

Perché utilizzare lo strumento Anteprima e diagnosi annunci 50

Google my business. 54

Un metodo scorretto ma automatico per fare zona.. 55

Come connettersi al prospect in modo legale e ottimizzare al massimo il nostro investimento in AdWords. 62

Fare guerrilla marketing immobiliare con AdWords. 65

Lo Split testing per conoscere la verità.. 72

Capitolo 2. 75

Fare pubblicità in modo intelligente (Google Analytics). 75

Come installare Google Analytics sul sito della tua agenzia immobiliare.. 77

Perché collegare gli account Analytics e AdWords. 79

Come tracciare le telefonate con gli eventi di Analytics. 80

La macroarea “Pubblico”. 84

Sorgenti e mezzi 87

Come scoprire quale keyword ha attivato l’annuncio che ha generato il contatto.. 88

Comportamento.. 90

Esperimenti 91

Capitolo 3. 92

Come realizzare tecnicamente una landing page.. 92

Ecco il plugin che io utilizzo per le mie landing page.. 98

Come scegliere un template.. 104

Come collegare Analytics a WordPress. 106

Capitolo 4. 108

Tecniche di copywriting segrete per fare acquisizione immobiliare.. 108

Gli schemi del copywriting per la realizzazione di landing page vincenti 109

Brand positioning (la verità dietro le aziende vincenti). 110

Customer avatar. 112

Problema.. 118

Testimonianze.. 120

Scarsità.. 122

Call to action.. 124

P.S.. 126

Altri suggerimenti 127

Conclusione. 128

Raccolta di domande ricorrenti. 129

 

Introduzione

Benvenuto e complimenti per aver acquistato il mio corso.

Adwords per agenzie immobiliari vincenti è l’unico libro pubblicato in Italia che riguardi AdWords applicato al settore immobiliare.

 

Cosa imparerai

Un metodo (testato) per creare e ottimizzare le campagne pubblicitarie su Google AdWords.

È da premettere che in questa guida NON troverai nessuna formula magica, i risultati non sono garantiti, ma possibili solo se sarai costante e seguirai con estrema meticolosità tutte le strategie e i consigli che troverai in questo libro.

 

A chi è rivolto il corso

A tutti gli agenti immobiliari che vogliono realizzare la loro prima campagna AdWords, ma anche a tutti quelli che vogliono rendere più performante una campagna esistente.

Questo corso parte dalle basi dell’uso di AdWords (descrivendo un sistema step by step per realizzare la tua prima campagna) fino a illustrare metodi e strategie di ottimizzazione avanzate.

Quindi il corso è rivolto sia agli agenti alle prime armi con AdWords, sia a quelli che vogliono migliorare le performance delle loro campagne esistenti.

 

Attenzione: Questo libro è dedicato esclusivamente alle agenzie immobiliari, tutti gli esempi e strategie che troverai nel prosieguo della lettura faranno riferimento esclusivamente al settore immobiliare.

 

Perché ho realizzato questa guida?

In Italia esistono tante ottime guide, libri, corsi AdWords anche per il settore immobiliare. Ma nessuno mai ha realizzato un manuale AdWords esclusivamente per agenzie immobiliari.

Il business dei costruttori è diverso da quello delle agenzie, e tu sai meglio di me il perché.

Quindi è nata l’esigenza di realizzare una guida (AdWords per agenzie immobiliari vincenti!) rivolta esclusivamente al business delle agenzie immobiliari.

Vi ho condensato tutta la mia esperienza nel settore del web marketing immobiliare, fatta di studio, test (su campagne di agenti immobiliari clienti e progetti diretti), ma soprattutto di errori.

Stai per intraprendere un viaggio affascinante, che partendo dall’abbiccì di AdWords passa per i settaggi e trucchi più avanzati (come lo Split test e il remarketing).

Tutto questo ti renderà autonomo nella realizzazione di potenti campagne AdWords, che daranno il massimo della visibilità agli annunci immobiliari della tua agenzia.

 

Consigli per un buon utilizzo della guida

  1. Leggi la guida seguendo l’indice, anche se alcune parti – come il glossario – possono sembrarti noiose (sono fondamentali per un buon apprendimento).
  2. Prima di realizzare una nuova campagna AdWords, o mettere in pratica qualche consiglio per l’ottimizzazione di campagne esistenti, rileggi la guida con attenzione. Ricorda: i soldi sono i tuoi, e su AdWords non sono previsti rimborsi per errori.
  3. Stampa la guida, sottolinea i passaggi cruciali e tienila sulla scrivania di fianco al computer, così azzererai i possibili errori di start.
  4. La perseveranza è l’arma segreta di tutti i business. Non avere fretta di vedere i risultati, pianifica campagne semestrali, e fai gli Split test come ti insegnerò nella guida.
  5. Non investire un capitale nella prima campagna. AdWords è una piattaforma complessa: NON basta la teoria, per ottenere buoni risultati dovrai fare molta pratica. Investendo poco all’inizio avrai modo di prendere confidenza con il mezzo, limitando eventuali danni.

 

Buona lettura!

 

Glossario

Il mio consiglio è di rileggere questa parte più volte, per poter capire bene il significato dei termini che verranno utilizzati. Se credi di poter saltare il glossario (solo perché non è la prima volta che utilizzi AdWords) stai facendo un grosso errore. Io ti ho avvertito!

 

Parole chiave o keyword: sono le parole che acquistiamo per fare pubblicità. Es.: case in vendita, case in affitto, ecc.

 

Query: frase che i potenziali clienti scrivono nel motore di ricerca. Es.: Cerco casa a….

 

CPC max/offerta: Il CPC max (costo per click massimo), è l’importo massimo che sei disposto a pagare per un click su un annuncio.

 

Rete di ricerca: semplificando, è la pagina che Google mostra quando un utente fa una ricerca, dove potenzialmente possono comparire i tuoi annunci AdWords. Vedi immagine seguente.

 

Ranking AdWords: classifica degli annunci di AdWords nella rete di ricerca. Il Ranking AdWords viene influenzato da due fattori: CPC/offerta e punteggio di qualità.

 

Punteggio di qualità/Quality score: per comprendere il punteggio di qualità bisogna comprendere la politica win win che c’è dietro il colosso di Mountain View. Le strategie che hanno reso Google il motore di ricerca numero uno al mondo sono state sempre chiare dagli esordi: “restituire al navigatore il miglior risultato possibile”.

Ed è per questo che Google incentiva, con un premio, le aziende che vogliono fare advertising sulla sua creatura (AdWords) a realizzare campagne di qualità.

Sì, hai letto bene: Google premia le aziende che realizzano campagne di qualità, posizionando il loro annuncio al disopra della concorrenza a un costo inferiore.

Spieghiamo meglio questo passaggio con un esempio

Due agenzie immobiliari della stessa città, che chiameremo immobiliare Tizio e immobiliare Caio, decidono di investire in AdWords e puntare sulla stessa keyword: Case in vendita Roma.

Immobiliare Tizio offre per la key “Case in vendita Roma” 0,40 cent. Commette però il classico errore dei principianti, NON ottimizza la campagna, ottenendo un punteggio di qualità basso, 5.

Anche Immobiliare Caio offre 0,40 centesimi per la key “Case in vendita Roma”. Ma c’è una piccola differenza.

Immobiliare Caio (furbo) studia la guida AdWords per agenzie immobiliari vincenti e inizia a lavorare sull’ottimizzazione degli annunci, ottenendo un punteggio alto, 7.

In questa situazione l’annuncio dell’Immobiliare Caio viene posizionato più in alto rispetto a quello dell’Immobiliare Tizio nella pagina dei risultati di ricerca di Google, anche se l’offerta è uguale.

In realtà l’Immobiliare Caio si sarebbe potuto posizionare meglio dell’Immobiliare Tizio anche con un’offerta inferiore, perché ha un buon punteggio di qualità.

Ma c’è di più, perché un buon Quality score abbassa anche il CPC, facendoti ottenere il miglior risultato al minor prezzo.

Perché? Perché se lavori sul punteggio di qualità, restituisci una buona esperienza all’utente, e Google ti premia.

 

Il pensiero di Google estratto dal Blog ufficiale di AdWords

(https://adwords-it.googleblog.com).

Perché AdWords prende in considerazione altri criteri oltre il CPC massimo? Perché non è possibile “acquistare” una posizione?

Abbiamo scelto una combinazione di questi due componenti perché desideriamo dare ai nostri inserzionisti gli incentivi per creare annunci di qualità. Questo sistema di posizionamento dinamico garantisce una concorrenza equa, non basata esclusivamente sul prezzo che l’utente è disposto a pagare, ma anche sulla pertinenza e la qualità degli annunci.

 

Ovviamente questa è una semplificazione dell’algoritmo che decide il posizionamento in AdWords, ma è abbastanza per farti comprendere l’importanza del Quality score.

Gli elementi che influenzano il Quality score (perlomeno quelli conosciuti) sono: esperienza sulla pagina di destinazione, pertinenza annuncio, e CTR (percentuale di click su gli annunci).

Ed è qui che andremo a lavorare per ottimizzare le nostre campagne.

Studiando questo libro conoscerai tutti i segreti per ottimizzare il Quality score e creare delle campagne potenti.

Perché il bello di Google AdWords è proprio questo, NON vince il più ricco!

 

Strumento di pianificazione delle parole chiave: la scelta delle giuste parole chiave sulle quali puntare è un’operazione cruciale. Un’attenta analisi di keyword research è l’alfa di una campagna di keywords advertising.

Se sbagli qui, rischi solo di bruciare i tuoi soldi, senza ottenere risultati. AdWords ci mette a disposizione un tool potentissimo per fare le nostre analisi, lo Strumento di pianificazione delle parole chiave.

Basta inserire una parola chiave inerente il nostro settore nel tool per ottenere informazioni sulla concorrenza, la stima di traffico, l’offerta consigliata, e una lunga lista di parole chiave pertinenti alla key inserita. Vista l’importanza dell’argomento, in seguito troverai degli approfondimenti.

 

Google my business: è l’equivalente online del sistema che è alla base delle pagine gialle. Un servizio di Google che dà visibilità alle attività locali come le agenzie immobiliari.

Il collegamento con AdWords ci permette di usufruire delle estensioni di località, argomento che tratteremo in seguito. Qui trovi un approfondimento su Google my business:

(https://www.sitiperagenzieimmobiliari.com/marketing-immobiliare-google-my-business/).

 

Estensione annuncio: è una formattazione dell’annuncio che consente di visualizzare informazioni supplementari sull’agenzia immobiliare. Esistono vari tipi di estensioni, ma non tutte possono essere aggiunte manualmente, ci sono anche quelle automatiche (cioè decide Google).

Dal lato del marketing, le estensioni rendono i tuoi annunci più corposi facendogli ottenere di conseguenza un maggior risalto nelle pagine dei risultati di ricerca di Google.

Devi sapere che AdWords per la realizzazione di annunci di testo ti permette di utilizzare un numero di caratteri limitati.

 

Split testing: nel web marketing le opinioni e le supposizioni lasciano spazio alla scienza. Idee come “secondo me il pulsante per l’invio della richiesta del cliente dovrebbe essere di colore …”, per ottenere maggiori conversioni, sono solo un brutto ricordo del passato. Grazie allo Split testing o test A/B (tecnica per testare i vari elementi di un banner, sito web, landing page, ecc.) puoi ottenere in breve tempo informazioni scientificamente attendibili.

Come funziona: con l’aiuto di un software (a pagamento) puoi mettere a confronto due pagine che variano per un solo elemento, es. il titolo o la foto, e vedere quale converte di più.

Il software mostrerà in automatico alla metà dei visitatori del tuo sito una pagina, e all’altra metà la versione che si differenzia solo per un elemento.

Con AdWords puoi farlo gratis (vedremo dopo come).

 

Google Analytics: è un tool messo a disposizione da Google che ti permette di monitorare l’andamento del sito e della spesa pubblicitaria. L’utilità di questo strumento è tutta racchiusa in questa frase: “Metà del denaro che spendo in pubblicità è sprecato, e il guaio è che non so quale metà sia” (John Wanamaker).

Con Analytics conosci il ritorno su ogni euro speso in pubblicità digitale.

 

Remarketing: te lo spiego con un esempio. Ti è mai capitato di cercare un libro su amazon.it, e dopo essere inseguito per tutto il web da banner che ti consigliano l’acquisto di libri analoghi? Bene, questo è il remarketing.

Tecnicamente funziona così: visiti un sito che utilizza questa tecnologia (es.: il sito del agenzia Yk) e ti viene iniettato nel browser un cookie che ti identifica (in realtà identifica il browser). Quando farai altre ricerche su Google oppure su altri siti che appartengono al network di Big G., la rete AdWords ti riconoscerà e ti mostrerà gli annunci del sito dell’agenzia Yk che hai visitato in precedenza.

Il remarketing ti permette di essere sempre presente nella mente di chi cerca casa.

Il remarketing ti collega ai “prospect”, termine in gergo tecnico che significa: persone effettivamente interessate all’acquisto di casa, che hanno già manifestato il loro intento d’acquisto visitando il tuo sito in precedenza.

Il tuo banner ha la possibilità di essere pubblicato su portali importanti (come ilsole24ore.com, www.libero.it, virgilio.it, e tanti altri), che guadagnano dal network pubblicitario di Google (AdSense). Questo gioverà alla tua immagine e a quella dell’agenzia che sarà percepita come un’agenzia immobiliare di serie A.

Il remarketing sembra davvero un servizio nato per le agenzie immobiliari. Una vecchia statistica diceva che chi cerca casa guarda in media 9-14 annunci immobiliari (ogni giorno) su siti di agenzie diverse: capisci l’importanza di rimanere collegato in qualche modo al potenziale cliente?

In realtà esiste anche un modo più economico per rimanere collegati con il potenziale cliente, che avrai modo di studiare in questo corso.

Una delle mie strategie più avanzate è proprio quella di rimanere in contatto con un potenziale cliente. I click AdWords hanno un costo (le visite al sito le paghiamo) e io t’insegnerò a ricavare tutto il succo da questo costo.

 

Rete display: chiamata in precedenza “rete di contenuti”, con il suo network copre oltre il 90% degli utenti Internet di tutto il mondo.

Parliamo di oltre due milioni di siti web dove poter pubblicare i tuoi annunci. La rete display di AdWords, a differenza della rete di ricerca, intercetta la domanda latente.

Ottima soluzione per pubblicizzare servizi nuovi che non hanno ancora domanda, come Home staging e Property finder.

 

Landing page: particolari siti, composti da una sola pagina. La forza delle landing page è la focalizzazione: zero distrazioni.

Si realizza una pagina web che ha un solo obiettivo, di solito per le landing page immobiliare l’obiettivo è quello di raccogliere i dati del cliente per poi contattarlo.

In un capitolo dedicato imparerai:

  1. Come si realizza tecnicamente una landing page per acquisire nuovi immobili, anche senza essere un programmatore.
  2. Come collegarla alle tue campagne AdWords.
  3. Tecniche di copywriting e scrittura persuasiva.

 

Copywriting: l’arte di vendere con la parola scritta.

 

CTR: la percentuale di click sull’annuncio. Analizziamo la sua funzione e importanza. Il CTR è uno degli indicatori su cui AdWords basa il ranking dell’annuncio. AdWords ha lo scopo di fornire agli utenti una risposta il più vicina possibile alla loro ricerca, e anche attraverso il tasso di click effettua la sua interpretazione. Se nella ricerca l’utente ha cliccato il tuo annuncio è perché lo ha ritenuto il migliore.

 

Brand positioning: “C’è uno step che deve precedere le 4 P del marketing. Questo step è un’altra P per Positioning” (Philip Kotler).

 

 

Cos’è AdWords

Fine del estratto.

Se anche tu vuoi scoprire un metodo efficace e testato, (ma ancora sconosciuto alla maggior parte delle agenzie immobiliari), per ricevere più contatti da chi cerca casa, acquista adesso il libro basta cliccare qui.

The following two tabs change content below.

Ferdinando Santoro

SEO, specializzato in adwords immobiliare, facebook immobiliare. Lavora presso navaCASA.it. Se Il contenuto è il re, la perseveranza è la regina. Cell: 331 15 67 578